Lettera aperta ai futuri sponsor

Può essere vincente un progetto legato ad una squadra di calcio che in 18 anni ha vinto appena due partite ufficiali? Può essere felice un calciatore che esce dal campo dopo aver perso per dieci a zero? Si può festeggiare anche dopo aver chiuso il campionato all’ultimo posto per ben 17 anni consecutivi?

La risposta è sì!

Nato nel 2001 su idea di un gruppo di ragazzi che avevano come più grande desiderio quello di iscriversi ad un vero campionato di calcio, il Gruppo Sportivo Excelsior è oggi una realtà conosciuta dentro e fuori l’Alto Adige.

Sulla squadra bolzanina che attualmente milita nel campionato di Terza Categoria della Provincia di Bolzano sono stati realizzati numerosi servizi televisivi, è stato scritto un libro (“Siamo tutti titolari” di Mario Endrizzi) e sono stati pubblicati decine e decine di articoli su giornali locali, nazionali e anche stranieri. Da uno di questi, apparso nel 2013 su Le Monde”, è nata l’idea di un documentario girato dal regista francese Jean Gaudry: “I Magnifici Perdenti” (titolo originale “Les Perdants magnifiques”), il filmato realizzato per “France 3” e trasmesso in Italia da “Rai 3”, racconta in maniera magistrale la storia ma soprattutto i valori di questa squadra, che forse sarà anche la più perdente d’Italia, ma sicuramente è la più corretta come testimoniano le 13 Coppe Disciplina – il trofeo che viene vinto dalla squadra più corretta del campionato – conquistate in 17 campionati disputati.

Sono numerose le particolarità che rendono questa squadra così speciale. Ad esempio il fatto che tutti i giocatori sono titolari, perché ognuno ha diritto di giocare gli stessi minuti dei compagni. Oppure il fatto che non contano tanto le qualità e capacità tecniche, quanto la voglia di mettersi in gioco e impegnarsi. O ancora l’inclusione vissuta dentro lo spogliatoio e in campo: in squadra vengono infatti accolti anche ragazzi che vivono situazioni “problematiche” come i richiedenti asilo e le persone con disagio psichico.

Potremmo accontentarci di portare avanti l’attività ordinaria di questa seppur bellissima realtà, ma non ci basta.

Per il futuro e breve e medio termine puntiamo a realizzare tre importanti progetti che di seguito elenchiamo:

  1. costruire una rete a livello locale e nazionale di realtà simili alla nostra con cui condividere principi e valori e organizzare manifestazioni sportivo-culturali e di sensibilizzazione;
  2. organizzare il “festival del Fair play”, iniziativa culturale  che annualmente porti a Bolzano esperti da ogni dove per confrontarsi sul grande tema della correttezza sportiva e trasformi la nostra città nella capitale italiana del fairplay;
  3. elaborare un progetto organico di divulgazione nel mondo della scuola per confrontarsi con la concezione di sport che hanno in primis gli studenti ma anche gli insegnanti e gli allenatori;
  4. sperimentare la fikosofia “Excelsor” anche in altre discipline sportive trasformando l’associazione odierna in una polisportiva dello sport “attento alla persona”.

Non è facile raccontare un’avventura che dura ormai da 18 anni in poche righe: speriamo però almeno di aver suscitato curiosità e interesse verso questa “strana squadra” che accoglie tutti e fa del fair-play e dell’accoglienza i suoi valori fondanti.

Per approfondire la storia del GS Excelsior, che nel febbraio 2017 si è trasformato in un’associazione sportiva dilettantistica e da allora si finanzia principalmente attraverso le sponsorizzazioni dei propri partner, sono disponibili anche dei brevi filmati (il trailer del film “I magnifici perdenti”, il video “This is us”, il video di Quelli che…il calcio del 4-11-2018), oltre al sito ufficiale www.gsexcelsior.it e alla pagina facebook @gsexcelsior.asd.

Restiamo a disposizione per ulteriori informazioni e per approfondire assieme a voi possibili forme di collaborazione.

Cordiali saluti,

Mirco Marchiodi , Presidente             347-4736415   

Massimo Antonino, segretario 347-4736415   


Videogallery